Android, nuova funzione “Trova il mio dispositivo”: tutti i chiarimenti e le info per ritrovare il telefono (da spento)

Grazie al nuovo sistema ideato da Google, ritrovare un dispositivo perso o rubato diventa molto più semplice.

Nel panorama tecnologico in continua evoluzione in cui viviamo, le novità riguardanti la sicurezza dei dispositivi mobili sono sempre di grande interesse. Recentemente, Google ha introdotto un significativo aggiornamento per la funzione “Trova il mio dispositivo”, migliorando il modo in cui possiamo ritrovare i nostri dispositivi Android, anche quando sono spenti.

arriva la funzione trova il mio dispositivo su android
Google ha aggiornato la funzione “Trova il mio dispositivo” per permettere di localizzare i dispositivi Android (Nuovocellulare.it)

L’aggiornamento è stato accolto con grande entusiasmo, soprattutto dagli utenti che desiderano una soluzione affidabile per localizzare i propri dispositivi persi o rubati. Questa nuova mossa di Google ha suscitato anche molto clamore tra gli esperti, perché dovrebbe funzionare grazie a una rete in crowdsourcing che sfrutta la connettività degli altri dispositivi Android, un metodo decisamente innovativo.

Funzionalità aggiornata e compatibilità estesa come mai prima d’ora

La funzione “Trova il mio dispositivo” ha ricevuto un importante aggiornamento ad aprile 2024, portando la possibilità di localizzare i dispositivi Android anche quando sono offline. La funzione permette di visualizzare la posizione in tempo reale dei dispositivi registrati, fornendo informazioni dettagliate come il livello della batteria, la rete Wi-Fi a cui è connesso e la potenza del segnale. In caso di furto o smarrimento, è possibile bloccare il dispositivo da remoto e lasciare un messaggio con un numero di telefono sulla schermata di blocco.

come usare trova il mio dispositivo su android
“Trova il mio dispositivo” utilizza una rete globale di dispositivi Android per tracciare la posizione dei dispositivi persi o rubati (Nuovocellulare.it)

Il nuovo aggiornamento è compatibile con una vasta gamma di dispositivi, inclusi i tracker Bluetooth e altri accessori. Questa miglioria consente una localizzazione ancora più precisa e versatile, aiutando gli utenti a ritrovare non solo i telefoni, ma anche altri dispositivi come tablet, smartwatch e cuffie.

La nuova funzione di “Trova il mio dispositivo” non si limita a utilizzare la connessione Internet per rintracciare i dispositivi, ma sfrutta una vera e propria rete globale di dispositivi Android. Questa rete in crowdsourcing, che comprende circa un miliardo di dispositivi interconnessi, offre una precisione elevata nella localizzazione. La collaborazione con Apple ha permesso di sviluppare una soluzione cross-piattaforma per avvisare gli utenti della presenza di tracker Bluetooth non autorizzati, aumentando ulteriormente la sicurezza.

I telefoni Android sono automaticamente abilitati su “Trova il mio dispositivo” quando si accede con l’account Google. Per assicurarsi che la funzione sia attiva, è necessario controllare le impostazioni di localizzazione. Andando in “Impostazioni” > “Sicurezza e Privacy” > “Trova il mio dispositivo”, è possibile verificare e attivare la funzione.

È inoltre possibile configurare la partecipazione alla rete di “Trova il mio dispositivo” scegliendo tra diverse opzioni: Off, Senza rete, Con la rete in zone ad alto volume di utilizzo, e Con la rete in tutte le zone. Questa configurazione permette di personalizzare l’utilizzo della funzione in base alle proprie preferenze di privacy e partecipazione alla rete.

Per utilizzare “Trova il mio dispositivo”, è sufficiente scaricare l’app dal Play Store e accedere con il proprio account Google. In alternativa, è possibile utilizzare l’interfaccia Web visitando il sito di “Trova il mio dispositivo”.

Impostazioni privacy