Bluesnarfing, attenzione: il nuovo pericolo arriva dal bluetooth

C’è un nuovo pericolo informatico a cui fare molta attenzione. Si chiama Bluesnarfing e arriva direttamente dal bluetooth.

Il tema legato alla sicurezza personale è uno di quelli che continua più a tenere banco nel settore tech. Considerando l’enorme mole di dati che viene scambiata ogni giorno con tutti i principali siti web, social network, app e via dicendo. E soprattutto considerando come gli hacker e i cybercriminali continuino a mettere a punto sistemi sempre più avanzati per violare i sistemi di sicurezza.

Il Bluesnarfing è la nuova minaccia per gli smartphone
Cos’è il Bluesnarfing e come fare per difendersi – Nuovocellulare.it

Di recente, è emerso un nuovo allarme in questo senso che dovrebbe far preoccupare tutti. Si chiama Bluesnarfing e, fanno sapere gli esperti che lo hanno scovato, arriva direttamente dal bluetooth. Le sue conseguenze potrebbero essere letali per i dati personali, ecco perché dovreste informarvi subito e capire in che modo difendervi per evitare di incappare in problemi che non saranno mai più risolvibili.

Occhio al Bluesnarfing: cos’è e come fare per difendersi

Dopo aver scoperto in che modo si propaga e soprattutto quali sono i rischi a esso legati, ecco che ci penserete due volte prima di comportarvi in un certo modo quando utilizzate i vostri dispostivi tech. Questa ennesima minaccia potrebbe essere persino più pericolosa rispetto a quelle viste sino a oggi, ecco perché dovete prendere tutte le contromisure del caso.

Perché il Bluesnarfing è pericoloso e come fare per difendersi
Ecco come difendersi dal Bluesnarfing, attacca col bluetooth – Nuovocellulare.it

Il Bluesnarfing ha come obiettivo quello di rubare ogni tipo di dato presente sul nostro smartphone attraverso la connessione bluetooth. Per fare ciò, il criminale ha bisogno di trovarsi nelle vicinanze del nostro device e soprattutto deve soddisfare una serie di parametri. E nel caso riuscisse a soddisfarli, ecco che potrebbe avere accesso a tutti i dati privati come le informazioni bancarie, le password e i documenti sensibili.

Ma come fare per difendersi? Ovviamente il metodo più efficace è quello di disattivare il bluetooth quando non lo stiamo utilizzando. Soprattutto nei luoghi maggiormente affollati, dove c’è maggior rischio di ritrovarsi di fronte o nelle vicinanze un cybercriminale. Al tempo stesso, evitate sempre di accettare qualsiasi tipo di richiesta bluetooth da altri dispositivi. Soprattutto se non sapete da dove provengono. Altro metodo per proteggersi è quello di aggiornare sempre il sistema operativo, in particolare quando ci sono disponibili delle patch di sicurezza. Che potrebbero risolvere eventuali vulnerabilità del telefono e renderlo più sicuro. Così che gli hacker non potranno nulla e i vostri dati saranno sempre in salvo.

Impostazioni privacy