Analista: Huawei può scissione Honor


Secondo l'analista Ming-Chi Kuo, che conosciamo principalmente dalle sue previsioni di Apple, Huawei considera la cessione del sottomarchio Honor. Essendo indipendente, Honor non sarebbe più interessato dal divieto di commercio americano.

Anche se non è stata ancora presa alcuna decisione, l'idea di separare la figlia Honor dalla società madre Huawei è sicuramente sul tavolo. Honor è un sottomarca online che si rivolge principalmente a un pubblico giovane. Una volta separato da Huawei, Honor non soffrirebbe più delle severe regole di importazione imposte dal governo americano a Huawei. Quest'ultimo ne soffre attualmente molto, soprattutto per l'acquisto di chip come i processori.

Telefono d'onore
L'onore in piedi da solo?

La scelta può ancora dipendere da come il popolo americano voterà alle prossime elezioni presidenziali. Se Trump non viene rieletto, il suo successore potrebbe avere una politica diversa da quella della Cina, rendendo inutile la cessione. Oltre agli smartphone, Honor oggi produce anche orologi intelligenti, tappi per le orecchie senza fili e persino computer portatili. La maggior parte di questi usa chip progettati dallo stesso Huawei.

Transizione all'alternativa

La fornitura di nuovi chip è in stallo perché Huawei non è più autorizzata ad acquistare macchine a chip da aziende occidentali, né ad acquistare licenze per la sua progettazione. In precedenza, Google ha negato a Huawei l'accesso a servizi Android come il Play Store e Gmail. Huawei sta ancora lottando per trovare un'alternativa a questo. Ha sviluppato un proprio app store alternativo ma anche un proprio sistema operativo chiamato HarmonyOS. A settembre, Huawei ha annunciato la versione 2.0 di questo con l'intenzione di equipaggiare diversi telefoni Huawei. Con questo, Huawei ha iniziato la transizione verso una propria alternativa per Android. Un passo che molto probabilmente si applicherà anche a Honor.

(via)



Parlate di questo articolo